Sapevate che, così come esistono tipi diversi di capelli, anche le spazzole non sono tutte uguali? Scegliere la spazzola giusta per le vostre necessità può fare una grande differenza.

Perché è importante scegliere la spazzola giusta?

Avete presente tutte le attenzioni che avete per i vostri capelli? Il parrucchiere, le maschere, la crema, lo shampoo giusto e così via? La spazzola giusta è il colpo finale per far sì che tutto questo lavoro non venga sprecato. Ce ne sono di tantissimi tipi diversi, tonde, piatte, ovali, quadrate, sintetiche, di legno, con setole naturali. E tutte esistono per motivi diversi. Ci sono tre cose di cui tenere conto quando si va alla ricerca della spazzola giusta.

  • Lunghezza dei vostri capelli.
  • Tipo di capelli (ricci, fini, tendenti al crespo, ecc..).
  • Effetto che si vuole ottenere (liscio, voluminoso, ecc…).

Spazzole in legno, sintetiche e in setole naturali

Per capire quale sia la spazzola perfetta per voi c’è bisogno di avere un’idea di cosa i diversi materiali significhino.

  • Legno. Sono molto durature e non si deformano in caso di urti. Al contrario di altri tipi, come quelle sintetiche, le spazzole in legno non elettrizzano i capelli e sono più delicate. Per questo vanno bene anche se utilizzate sui capelli umidi.
  • Setole naturali. Sono setole di cinghiale, solitamente molto fitte e più morbide rispetto alle loro sorelle. Non sono adatte per pettinare i capelli da bagnati, quindi se vi serve qualcosa per acconciarli quando sono umidi queste spazzole non vanno bene. Avendo setole molto fitte queste spazzole districano con abbastanza delicatezza e distribuiscono gli olii naturali dei capelli su tutta la lunghezza.
  • Sintetiche, ovvero in plastica o nylon. Ne esistono di tantissimi tipi diversi e solitamente sono quelle che si trovano più spesso in commercio. Per questo si adattano più o meno a qualsiasi situazione e diventa importante scegliere la forma giusta.

La spazzola giusta si sceglie anche dalla forma

Principalmente questo dipende dall’uso che ne fate e la pettinatura che volete ottenere.

  • Per pettinare i capelli bagnati la spazzola giusta ha i denti larghi ed è delicata. In questo momento infatti i capelli sono al massimo della loro fragilità e li si stressa il meno possibile.
  • Spazzola a ovale o a cuscino. Questa è la spazzola che viene in mente a tutti quando si parla di certe cose. Non va usata sui capelli bagnati e ha un ottimo effetto districante. Si tratta di una spazzola adatta ai capelli medio/lunghi, lisci o mossi. Può favorire l’effetto elettrico dei capelli, ma ha il lato positivo di non irritare il cuoio capelluto e non stressare troppo la chioma.
  • Spazzola tonda. Può avere setole di diverso tipo e questa è quella che solitamente si usa per dare un effetto voluminoso e “a onde” ai capelli quando si fa la messa in piega. Di nuovo, è per capelli abbastanza lunghi, così da avere l’effetto “liscio ma voluminoso” e funziona bene su quelli lisci o mossi. Ci vuole un po’ di manualità per imparare a usarla.
  • Spazzole per capelli ricci. Se i vostri capelli sono mossi o ricci, ma non riccissimi, la spazzola rettangolare di plastica funziona bene perché tende a non spezzare le ciocche. Altrimenti la spazzola perfetta per pettinare i vostri capelli riccissimi, se volete, è quella di plastica a setola larghe.
Mostra tutto
Precedente Cinque esercizi da fare nel proprio soggiorno per addominali perfetti e pancia piatta
Successivo Proteggere le mani in inverno: cosa c’è da sapere e come fare?
Close

PROSSIMO ARTICOLO

Close

Cinque consigli per un make up perfetto sempre

27 Dicembre 2018
Close