Avere un giardino di erbe aromatiche è un lusso che si può avere anche se si vive in città, basta saper adattare e gestire bene il proprio balcone. E in poche settimane non avremo nulla da rimpiangere a un orto comune.

Perché scegliere un giardino di erbe aromatiche?

Avere degli odori e degli aromi in casa è molte cose. Economico, per esempio, perché permette di avere sempre a disposizione le erbe che ci interessano, senza doverle comprare. Salutare, perché si tratta di piante coltivate da noi, per cui siamo certi non siano presenti agenti chimici e pesticidi tossici. E dà soddisfazione, veder crescere qualcosa grazie alla nostra cura e impegno oltre a rilassare rende anche un po’ più soddisfatti di sé, no? Prendersi un angolino del balcone di casa per avere qualche profumo in più per la casa è una buona scelta, che si abbia il pollice verde o si voglia solo iniziare e allenarsi.

Cosa serve per cominciare?

Come per ogni orto o lavoro con le piante per iniziare servono vasi, terriccio, qualche utensile, un innaffiatoio e piantine o semi. Meglio iniziare con delle piantine da travasare, per essere più veloci e sicuri che crescano. Scegliamo un posto soleggiato, visto che le erbe aromatiche hanno bisogno di luce, ma facciamo attenzione che non siano troppo esposte al sole durante la stagione estiva, che potrebbe seccarle. Piuttosto possiamo spostare i vasi durante le ore più torride, per proteggere il nostro giardino di erbe aromatiche. Lo stesso vale per l’inverno, con alcune piante. Se, per esempio, pianteremo del basilico allora anche durante il periodo freddo sarà meglio tenerlo in casa protetto. Il rosmarino, invece, più resistente, necessiterà meno cure in questo senso, ma bisogna stare attenti a non bagnarlo troppo e, quindi, anche alle piogge.

Le buone abitudini generiche sono, comunque:

  • Concimare una volta al mese durante il periodo vegetativo.
  • Tenere le piantine pulite da eventuali erbacce.
  • Innaffiare ogni giorno, al mattino presto o al tramonto, evitando le ore centrali della giornata e facendo attenzione a non “annegare” le erbe aromatiche.

Cosa possiamo piantare?

Questo dipende principalmente dai nostri gusti. Tenendo conto delle informazioni dette poco prima,infatti, nel nostro giardino di erbe aromatiche potremmo piantare un po’ quello che preferiamo. Usando comunque qualche consiglio.

Per esempio, il rosmarino tende a crescere molto e a non amare l’acqua ristagnante, quindi meglio dargli un vaso tutto suo. La salvia ha bisogno di un punto ventilato, possibilmente, e può essere piantata con il timo, visto che entrambe non occupano troppo spazio e hanno necessità simili quando si tratta di acqua. Un’altra pianta da tenere da sola invece è la menta. Ha bisogno di più acqua rispetto ad altre erbe aromatiche e meno sole, ma oltre a questo tende a espandersi anche sotto il terriccio. Questo può finire con il danneggiare eventuali erbe messe in sua compagnia. Il basilico, come abbiamo detto, è delicato e ha quindi bisogno di molta acqua e di venire protetto durante i periodi più caldi o freddi. Il prezzemolo, invece, tra tutte è quella che ama di più l’ombra, oltre all’acqua. Se non siete sicuri meglio dare a ogni erbetta un vaso singolo e poi, al massimo, travasarle più avanti.

La cosa importante rimane comunque essere costanti e prendersi cura del proprio piccolo giardino di erbe aromatiche da balcone. E loro vi ripagheranno.

Mostra tutto
Precedente Instagram: in arrivo video lunghi fino a un’ora
Successivo Algoritmo di Instagram e i suoi misteri: come funziona nel 2018?
Close

PROSSIMO ARTICOLO

Close

Come avere più energie e combattere la stanchezza in modo naturale

30 Luglio 2018
Close